Emergenza Ucraina

Per contrastare le tragiche conseguenze delle scoppio della Guerra in Ucraina, abbiamo deciso di collaborare con l'Ospedale “Maggiore della Carità” di Novara e con la Struttura Complessa a Direzione Universitaria diretta dal prof. Gianluca Gaidano, aderendo al programma della Lymphoma Coalition per l'accoglienza di sei pazienti ematologici ucraini bisognosi di cure. Ci siamo fin da subito occupati dei famigliari che hanno accompagnato in Italia i profughi malati mettendo a loro disposizione beni di prima necessità, delle SIM e un pc per consentire all'unica bambina del gruppo di proseguire le lezioni di didattica a distanza, abbiamo seguito tutte le pratiche di registrazione presso la Questura e l'Asl e abbiamo trovato due soluzioni abitative sostenendo i costi di affitto di uno dei due appartamenti in cui sono ospitati (di proprietà della Cooperativa Gerico), mentre il secondo appartamento è stato offerto gratuitamente dalla Parrocchia di Santa Maria alla Bicocca. E' doveroso ringraziare il Dottor Paolo Cortese (Comandante della Polizia Locale) per aver semplificato l'iter burocratico, Don Andrea Mancini per la sua infinita generosità, i privati che hanno fatto donazioni importanti, la Fondazione Franca Capurro e la FCN che hanno deciso di sostenere l'iniziativa stanziando dei fondi in favore di AIL Novara e tutti i volontari che ci hanno aiutato e ci stanno aiutando in questo progetto Umanitario. La solidarietà, come sempre, non ha confini!